For Sale? University of Padua

text in English & Italian

The University of Padua is bust.

On Friday 29 January 2010 the Vice-Chancellor of the University of Padua, Giuseppe Zaccaria, sent a letter to all his staff and students  saying he can’t pay for the 12 years of arrears on  salaries to 14 of his non-Italian teaching staff.

Il Magnifico Rettore, Università degli Studi di Padova, Giuseppe Zaccaria, Professor of General theory of Law.

The back-pay with interest amounts to 5 million 112.828 euros and was ordered by a Padua Labour court and subsequently confirmed by the Court of Appeal.

SEE: La Stampa and The Guardian   31.01.2010  

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scuola/grubrica.asp?ID_blog=60&ID_articolo=1273&ID_sezione=255&sezione  

http://www.guardian.co.uk/world/2010/jan/31/british-lecturers-italy-pay  

Anyone would think that the judgment – which provoked the Vice-Chancellor to call Friday’s   “extraordinary” meeting of the Administrative board –  was to deal with an recent unforeseen  and unforeseeable emergency.   

Not so. The Padua Labour court decision was taken almost four years ago, on 17 February 2006! 

And don’t tell me the board failed to notice six judgments of the European Court of Justice – three of them from the region of Veneto where Zaccaria presides;  three resolutions in the European Parliament and over one thousand court cases in over 20 Italian universities in the last twenty years. 

The Vice-Chancellor emphasised that the decision to ask the Italian government to bail them out was taken ‘unanimously’ by the Administrative Board.   

This plea would have been more convincing, and perhaps more effective, if it had it been accompanied by the unanimous decision of the Administrative Board to tender its resignation.

Evidently falling on one’s sword is no longer fashionable in these parts.  

And what has the University done to mend its ways? 

The arrears due cover only a period dating back from 1992 up until 2004.

The University of Padua has not updated the 14 foreigners’ salaries in accordance with the Court decision – thus leaving the door open to another law suit for arrears on wages, court costs and interest.

Should the Italian government ignore Padua’s plea – and similar ones coming from over twenty other Italian universities – then the Vice-Chancellor will have to consider going into receivership or selling off assets.

Padua University’s Botanical Gardens, dating back to 1545, would get him out of a hole as would selling off the furnishings done by Italy’s great architect and designer, Gio Ponti

Newer Italian universities may not be in so fortunate a position.   

 

* * *

Vendesi? Università degli Studi di Padova

L’Università di Padova è alla bancarotta

Il venerdì 29 gennaio 2010 il Rettore dell’Università degli Studi di Padova, Giuseppe Zaccaria, ha inviato una lettera a tutto il personale e agli studenti dichiarando che non può procedere al pagamento  di 12 anni di arretrati sugli stipendi a 14 lettori di madrelingua non italiani.  

Gli arretrati, compresi gli interessi, ammontano a 5 milioni e 112,828 Euro, a seguito di una sentenza emessa dal Tribunale del Lavoro di Padova e successivamente confermata dalla Corte d’appello.  

Qualcuno potrebbe pensare che la sentenza – che ha spinto il Rettore a convocare la riunione “straordinaria” del Consiglio d’Amministrazione di venerdi – riguardasse una situazione di emergenza causata da eventi recenti, imprevisti e imprevedibili.  

Non è così. La decisione del giudice del lavoro padovano risale a quasi quattro anni fa, in data 17 febbraio 2006!

E non mi si venga a dire che il Consiglio d’ Amministrazione non si era accorto delle sei sentenze della Corte di Giustizia delle comunità europee (tre delle quali provenienti dalla regione del Veneto, presieduta da Zaccaria), delle tre risoluzioni del Parlamento Europeo e degli oltre mille casi giudiziari riguardanti oltre 20 università italiane nel corso dei ultimi venti anni.

Il Rettore ha sottolineato che la decisione di inoltrare al governo italiano una richiesta formale di intervento economico per adempiere alla sentenza è stata presa “all’unanimità” dal Consiglio di Amministrazione.

Questa richiesta sarebbe stata più convincente, e forse più efficace, se fosse stata accompagnata dalla decisione unanime del Consiglio di Amministrazione di dare le dimissioni.  

Evidentemente cadere sulla propria spada non è più di moda da queste parti.  

L’Università ha fatto qualcosa per porre rimedio al proprio comportamento?  

Gli arretrati dovuti coprono soltanto un periodo che va dal 1992 fino al 2004.  

 L’Università di Padova non ha ancora adeguato gli stipendi dei 14 stranieri in conformità alla decisione della Corte – il che lascia aperta la porta a un’altra causa legale per arretrati sui salari, spese processuali e interessi.

Qualora il governo italiano ignorasse la richiesta di Padova – e altre simili provenienti da oltre venti Università italiane – il  Rettore dovrà valutare la possibilità di andare in amministrazione controllata o di dare inizio a una cessione di beni.  

La vendita dei Giardini Botanici dell’ Università di Padova, creati nel 1545, potrebbe tirarlo fuori da questo impiccio, così come la vendita  degli arredi creati da Gio Ponti, grande architetto e designer italiano.  

Le Università italiane create più di recente potrebbero trovarsi in una posizione non altrettanto fortunata.   

ENDS

 

Advertisements
This entry was posted in Europe, Politics. Bookmark the permalink.

4 Responses to For Sale? University of Padua

  1. Ruth Mc Bride says:

    Brilliant and hilarious article David!! 🙂

  2. Ιsabella Oztasciyan Bernardini d'Arnesano says:

    Bravo David! Brilliant article!

  3. shafted lecturer says:

    Nobody to blame but themselves.
    Maybe it’s time for the Minister to step in and respect the European Court of Justice’s decisions . This might get the universities out of the mess they’re in and might- just might – give a bit of credibility to the Treaty of Lisbon.

  4. Anna says:

    Non pagavano ai lettori per anni. Ora sono obbligati a restiturli i loro soldi che in qualche modo avevano riciclato per proprio interesse. E` giusto se l’universita` vengono costretti di ridare i soldi ai lettori. Nessuno lavora gratis. Fate la domanda al Magnifico Rettore se li piacerebbe di andare a lavoro mentre qualcun altro prende il suo stipendio?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s